Blog

Bruciatura da olio bollente! Cosa fare?

by in pelle, ustioni 6 Giugno 2020
L’olio bollente è un pericolo casalingo per le ustioni

Siamo tutti d’accordo: i cibi fritti, quando sono presenti sulla nostra tavola, rendono il nostro pasto più piacevole. L’olio bollente è spesso usato per cucinare, ma il suo utilizzo è altrettanto pericoloso. E’ in cucina infatti che si rimane principalmente “vittime” di schizzi d’olio caldo sulla pelle. Questo provocherà inevitabilmente arrossamenti e bollicine piene di liquido sulla cute, oltre che forte bruciore e gonfiore. Questi sintomi ora descritti sono caratteristiche di una bruciatura sulla nostra pelle.

Va detto che è opportuno stabilire la gravità del danno prima di intervenire

Nel caso di ustione di terzo grado, saranno gli strati più profondi dell’epidermide ad essere danneggiati. Nell’eventualità di una bruciatura di secondo grado invece noterai delle dolorose vesciche e arrossamenti accompagnati da bruciore e arrossamento. In circostanze meno gravi, si verificherà un’ ustione di primo grado e sarà danneggiato solo lo strato superficiale della nostra pelle, come ad esempio per una bruciatura di sigaretta.

Mi raccomando, non scoppiare né forare le vesciche, mantieni la calma perché la natura ti offre numerosi rimedi che puoi impiegare per la cura della parte danneggiata. Oltre che ad essere economici e facili da reperire, risultano abbastanza efficaci e non prevedono nessun effetto indesiderato.

Miele, Aloe vera, olio di cocco o oliva ed aceto per lenire le bruciature

L’utilizzo dell’ aloe vera è una tradizione che ci accomuna da secoli con le antiche civiltà. Pensate che le prime testimonianze sul suo utilizzo risalgono al 2200 A.C. Le prime informazioni rinvenute sino ai nostri giorni, sono state ritrovate su una tavoletta di argilla ritrovata a Nippur, in Mesopotamia. Con gli anni, gli studi in campo medico per l’impiego dell’aloe vera in dermatologia hanno evidenziato la sua efficacia, in particolare nella cura delle ustioni.

Anche il miele si presenta di grande aiuto, poiché è in grado di prevenire le infezioni e aumentare velocemente il processo di cicatrizzazione.

In alternativa, anche l’olio di cocco o di oliva aiutano la tua pelle a rigenerarsi in caso di una bruciatura lieve perché sono ricchi di vitamina E e possiedono proprietà antibatteriche.

Infine l’aceto presenta numerose proprietà antisettiche che eviteranno spiacevoli infezioni dovute alla bruciatura.

Non sottovalutare mai il danno che una bruciatura non curata potrebbe causare alla tua pelle, ad esempio delle antiestetiche cicatrici. Utilizza perciò sempre i rimedi più opportuni per la tua bruciatura. Scoprine uno ricco di proprietà benefiche derivanti dalla calda terra sarda.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *