Blog

Lividi, non perderti i nostri consigli per alleviarli

by in lividi 8 Maggio 2020

Chi non ha mai desiderato di svolgere il lavoro dei propri sogni?
Nessun lavoro e nessuna persona è però esente da piccoli infortuni lavorativi. Oggi vediamo insieme i rimedi per i più comuni danni subiti dal nostro corpo a seguito da cadute accidentali sul lavoro. In particolar modo evidenziamo le migliori cure per combattere i lividi.

In fin dei conti il lavoro è ancora il mezzo migliore di far passare la vita.
(Gustave Flaubert)

Dopo una caduta si presentano lividi ed ematomi

Successivamente ad una caduta, il nostro corpo può presentare lividi o ematomi. Ovviamente prevenirli con assoluta certezza non è poi così possibile, visto che la loro comparsa è strettamente correlata all’avvenuta di un infortunio. I lividi si verificano quando una parte del nostro corpo viene colpita e le fibre muscolari, assieme al tessuto sottopelle, vengono schiacciati senza che la pelle si laceri. Il sangue che proviene dai capillari lesionati non potendo fuoriuscire, rimane racchiuso sottopelle e crea una macchia dapprima rosea-violacea, che varia di colore durante le varie fasi di guarigione, sino al giallo-verde e la finale scomparsa.

Nessuno è immune alla manifestazione del livido a seguito ad un urto violento

Nonostante ciò la presenza dei lividi sul nostro corpo dipende da svariati fattori. Ne sono un esempio lo spessore della nostra pelle e la nostra età.
E’ noto infatti che, nei soggetti anziani, i vasi sanguigni tendono a diventare più fragili!

I sintomi dell’avvenuta di un livido, o più correttamente ecchimosi, prevedono un forte dolore iniziale sino al gonfiore ed una colorazione alterata della pelle. La sua guarigione è approssimativamente calcolata tra le due-tre settimane.

Anche se, come detto prima, prevenire la comparsa di lividi non è facile,
la loro guarigione invece è di facile realizzazione!

Bisogna innanzitutto trattare la zona interessata con del ghiaccio. Questo processo funge da vasocostrittore e aiuterà a ridurre le dimensioni del livido in quanto rallenta il flusso del sangue sotto-pelle in modo da riversarne meno nei tessuti.

Cosa fare ulteriormente alla nostra pelle?

L’arnica riduce gonfiore ed infiammazione

Innanzitutto in commercio troviamo numerose preparazioni topiche, sotto forma di gel, creme o unguenti, in grado di velocizzarne la guarigione.
La loro formula è principalmente di origine naturale.
Contengono in prevalenza l’arnica, che riduce il gonfiore. Possiede inoltre proprietà antibatteriche e antifunginee che riducono l’infiammazione. Utilizzala sotto forma di crema o unguento e applicala direttamente sulla zona da trattare, per un periodo che varia dai 5 ai 9 giorni.

L’aceto di mele contrasta la formazione del livido

Anche l’aceto di mele contrasta la formazione di dolorosi ematomi perché scioglie i coaguli di sangue sottocutanei e previene la comparsa del livido.

L’aloe vera allevia il trauma

L’aloe è una pianta dalla doti magiche nel campo medico naturale! Per la cura della tua pelle, utilizza le proprietà antibatteriche dell’acemannano in essa contenute per alleviare il trauma e sfavorisce la comparsa della tipica chiazza rossastra.

Non è tutto, sentiti fortunata/o!
Oggi ci sentiamo generosi e ti riveleremo il nostro segreto utilizzato già da 7000 Italiani per la cura dei tuoi ematomi!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *