Blog

Scottature ai fornelli, pericolo di incidente domestico

by in bellezza, ustioni, veschiche 19 Giugno 2020

Gli incidenti domestici come ben sai, sono i più frequenti e riguardano per lo più le donne casalinghe dai 35 anni in su. Non è raro procurarsi delle scottature togliendo i biscotti dal forno, con la piastra per capelli o mentre si cucina ai fornelli o si stira una camicia. Se ti riconosci come protagonista di una o più di queste situazioni allora anche tu come me, sei stata vittima di scottature tra le mura domestiche.

Il 13% degli italiani si è procurato un’ustione mentre cucinava in casa

Non preoccuparti e non sentirti sola, circa il 13% degli Italiani secondo i dati Istat dichiara di essersi procurato un ustione mentre compiva azioni di questo tipo. L’ustione avviene quando la nostra pelle viene a contatto con un’ eccessiva fonte di calore.

Bruciarsi in casa è credetemi, più facile di quanto sembra!
E’ la cucina infatti l’ambiente che più ci espone a pericoli per l’alta concentrazione degli oggetti che emanano calore presenti.
Per questo, oggi vorremo parlarvi dell’ustione da calore causata da scottature domestiche. Non è raro infatti trovarsi intenti a preparare un tè caldo o dimenticare una pentola sui fornelli per più tempo del dovuto e trovarsi con dell’acqua bollente addosso. Questo procurerà un’ustione sulla nostra pelle, che sarà più o meno grave a seconda della parte colpita, dell’estensione e dalla profondità del danno. Bisogna essere sempre pronti ad intervenire per prevenire danni maggiori.

Lasciare la pelle sotto l’acqua

In ogni caso è fondamentale riportare il corpo a temperatura normale. Basterà lasciare sotto l’acqua corrente la parte lesionata per 10-15 minuti, sino a che la pelle si raffreddi. In caso di vesciche evitare di scoppiarle o perforarle per evitare infezioni.

Per nostra fortuna, già dentro le nostre dispense abbiamo numerosi rimedi contro le ustioni domestiche.

Buccia di banana per alleviare il bruciore

Basterà utilizzare la buccia della banana per alleviare il bruciore. Molto spesso finiscono nei bidoni dell’immondizia, ma la buccia di banana viene utilizzata di frequente per l’idratazione e la pulizia della pelle. Essi sono importantissimi in ogni momento dell’anno ma in particolare quando la pelle è stressata in caso di scottatura.

Il miele fungerà da anti-infiammatorio, anti-batterico e anti-fungineo. In caso di scottatura la nostra pelle è infatti più esposta a germi e batteri, che potrebbero peggiorare la gravità della lesione.

La buccia della patata è utile applicata sulla pelle per favorire la cicatrizzazione

La patata contiene solanina, un alcaloide di cui il tubero è ricco. Il dolore provocato dalla scottatura a seguito del suo utilizzo, sarà notevolmente diminuito. Inoltre, la patata aiuterà la pelle a rigenerarsi, favorendo la cicatrizzazione in quanto contiene una notevole quantità di vitamina C che aumenta la produzione del collagene. Viene impiegata sulla pelle anche per limitare la formazione di bolle. Non solo, fornisce inoltre un azione protettiva grazie alla vitamina B .

Non solo, la nostra terra ci offre numerose piante endemiche che possiamo utilizzare come rimedio per le nostre scottature da calore. Ad esempio l’aloe vera, l’olio di cocco e la lavanda possiedono tutte proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti,emollienti e rigeneranti.

Per questo motivo, una donna sarda ha messo a disposizione di tutti noi le sue sapienti conoscenze. Le ha conservate e tramandate sino ai nostri giorni, per creare il rimedio più adatto a tutti i tipi di pelle. Noi le abbiamo utilizzate anche per la cura delle ustioni sulla nostra pelle, provala anche te no?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *