Blog

Sigaretta, fai attenzione a dove spegnerla!

by in ustioni 28 Maggio 2020

Fumare non fa bene alla salute, si sa. Nicotina e tabacco infatti non sono proprio degli alleati per il nostro benessere. Non dimentichiamo però che fumare distrattamente una sigaretta può far male anche alla pelle, sopratutto se ci si procura un’ustione. Pensate che la temperatura di una sigaretta accesa raggiunge gli 880°C nella fasi di aspirazione! E’ una temperatura considerata abbastanza elevata per il nostro corpo, che se viene a contatto con la pelle, gli procura sicuramente un ustione di primo grado . Che sia fumatore o no, le sigarette sono un pericolo all’ordine del giorno durante la tua giornata. L’ustione da sigaretta procura immediatamente una sensazione di bruciore forte. Sebbene il dolore passi comunque in breve tempo, il giorno dopo la ferita brucia allo stesso modo di quando te la sei procurata, sopratutto in presenza di bolle.

Come alleviare quindi il dolore post bruciatura da sigaretta?

Non forare bolle o vesciche! Usa garze sterili per comprimere la pelle ed evitare cicatrici

E’ buona norma risciacquare immediatamente la ferita sotto l’acqua corrente, per calmare il bruciore e allontanare dalla pelle qualsiasi residuo di cenere. Non perforare o schiacciare in nessun modo le bolle che potrebbero essere uscite sulla pelle. La vescica si forma poiché agisce come una barriera per proteggere la pelle da microbi e aiutare la rigenerazione del tessuto. Le bolle si asciugheranno gradualmente da sole, toccandole non farai altro che rallentare il processo di guarigione e causare infezioni o cicatrici. Comprimi la pelle con delle garze sterili che permettono di isolare la zona da agenti esterni dannosi. Stai lontana dalla luce solare diretta, per evitare alterazioni di colore della pelle e future cicatrici.

Successivamente? Parola d’ordine: rimedi naturali!

Aloe Vera, rimedio per le bruciature

Come sempre è l’aloe vera ad essere la regina dei rimedi naturali per la cura del nostro corpo. Utilizzata sin dall’antichità come rimedio per le ferite, vanta proprietà antinfiammatorie, rigeneranti e cicatrizzanti. Trova largo utilizzo nella cura di ferite o bruciature che cicatrizzano difficilmente. La potente attività antinfiammatoria si deve all’alta quantità di steroidi vegetali. Ha anche azione rinfrescante, quindi è ottima per far passare il senso di bruciore o di dolore causato dalla scottatura.

Calendula per le ustioni da sigaretta

La calendula grazie alla presenza dei flavonoidi presenti nei fiori, garantisce un effetto cicatrizzante e antinfiammatorio. Mentre le mucillagini conferiscono un effetto lenitivo ed emolliente. E’ per questo motivo indicata in caso di ustioni e bruciature. Garantisce un’azione antimicotica, antibatterica e antivirale e favorisce la cicatrizzazione delle pelle.

L’Iperico possiede proprietà cicatrizzanti

 I fiori dell’iperico hanno proprietà cicatrizzanti e antidolorifiche, in grado di far passare il dolore in pochi minuti. Oltre a calmare la pelle arrossata dalla bruciatura, aiuta la rigenerazione delle cellule epidermiche. L’olio ottenuto dalla macerazione dei fiori, è un valido alleato nelle bruciature sia da esposizione solare sia da incidenti casalinghi.

L’Echinacea per proteggere le ustioni

L’echinacea è impiegata per uso topico per la preparazione di pomate e lozioni per la pelle. Contiene infatti ingredienti che svolgono un azione immunostimolanteprotettivaantinfiammatoria, in caso di cicatrici, ulcere, dermatiti in genere. La proprietà cicatrizzante, si basa sulla capacità della pianta di accelerare la rigenerazione tissutale e di localizzare l’infezione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *